Alta Via Alpina

“L’ultima frontiera dell’escursionismo sulle alpi centrali”

glacier and lake with boys

 

 

other glacier

Alla scoperta degli ambienti selvaggi e incontaminati attorno al Massiccio del Piz Bernina attraverso i passi storici che da sempre collegano l’Italia alla Svizzera.

 

 

cembre rock

Tre notti in tre rifugi differenti, un viaggio nella natura del Piz Bernina per scoprire i paesaggi, gli odori e i sapori di una  terra ancora molto selvaggia. 

 

 

1.Alta Via Alpina: Descrizione & Mappa

GeneraleQuota di partenza (m): 1803 (Passo del Maloja)
Quota passo più alto (m): 2831 (Forc.la Entova)
Dislivello complessivo (m): 871 (I° Giorno) – 630 (II° Giorno) –  900 (III° Giorno) – 400 (IV° Giorno)
Difficoltà:  
Località di partenza: Maloja, Svizzera (CH)
Località di arrivo: Poschiavo, Svizzera (CH)
Punti d’appoggio: Cap. Forno – Rif. Longoni – Rif. Bignami 
Copertura della rete cellulare: Discreta
Contributors: Elia Negrini – Luca Barletta
Ultima revisione: 01/06/2015

giorno 1I° GIORNO, CAPANNA FORNO 4 ore.
Descrizione itinerario:
Dal Passo del Maloja mt 1803 dirigersi verso il “Lej de Cavloc” al  Plan Canin, grande classica engadinese, poi imboccare la Valle del Forno seguendo il sentiero di destra al bivio poco dopo il lago e raggiungere la Capanna Forno 2574 m, dove è possibile pernottare per la notte.

 

 

Giorno 2aII° GIORNO, RIFUGIO LONGONI 6 ore.
Descrizione itinerario:
Dalla Capanna Forno dirigersi verso l’omonimo passo.
Passato il Passo Forno 2768 m, scendere sul versante italiano attraverso la Val Bona fino ad una baita diroccata dove si trova un sentiero sulla sinistra che scende all’Alpe Monterosso inferiore, di qui si raggiunge la valle del Muretto dove si prosegue lungo il sentiero dei Fiori verso l’alpe Fora. Poco distante il Rifugio Longoni 2450 m, meta della seconda tappa.

Giorno 2III° GIORNO, RIFUGIO BIGNAMI 7 ore.
Descrizione itinerario:
Dal Rifugio Longoni salire alla Forcella Entova mt 2831, dove inizia la discesa nel lungo Vallone dello Scerscen, da qui il nostro cammino gode di uno splendido panorama sul maestoso  gruppo del Bernina. Lasciare le rocce bianche a sinistra, oltrepassare il Cimitero degli Alpini fino a raggiungere il torrente principale che scende dal Ghiacciaio dello Scerscen, di qui si risalire su terreno morenico seguendo la segnalazione rosso-bianco del sentiero che porta al Rifugio Carate 2636 m, nei pressi della Bocchetta delle Forbici. Proseguire costeggiando le imponenti pareti delle cime di Musella e su grossi massi raggiungere la Bocchetta di Fellaria mt. 2819. Quindi scendere all’Alpe Fellaria, dove nei pressi sorge il Rifugio Bignami 2401 m, da cui si gode di una stupenda vista sulla seraccata del Ghiacciaio di Fellaria orientale.

Giorno 4IV° GIORNO, SELVA 5/6 ore.
Descrizione itinerario:
Dal Rifugio Bignami si scendere al suggestivo Alpe Gembrè, di qui si costeggiare il Lago di Gera ed entrare in Val Poschiavina. Seguire la valle caratterizzata da verdi pascoli e da un gelido torrente che scende dal ghiacciaio del Pizzo Scalino, fino a raggiungere il Passo di Canciano mt 2464, dove il nostro percorso ritorna in terra svizzera, nella valle di Poschiavo. Ora il percorso diventa più facile, i sentieri lasciano il posto a splendide mulattiere, fino all’Alpe di Canciano poi più in basso l’Alpe Selva dove è possibile pernottare, o scendere direttamente a Poschiavo, ridente località svizzera di lingua Italiana. Utilizzando il caratteristico treno Rosso Del Bernina è possibile tornare in Engadina a Saint Moritz, e poi al passo Maloja.

2.Alta Via Alpina: Dove Alloggiare

6005314506_be9ff7a0bd_b

CAPANNA FORNO

Tel: +41 (0)81 824 31 82

info@fornohuette.ch
fb: capanna del forno

 

IMG_2831

RIFUGIO LONGONI

Tel: +39 0342 45 11 20
Mob: +39 348 31 10 010

negrinielia@gmail.com
fb: rifugio longoni 

 

Bignami_hut_2RIFUGIO R. BIGNAMI

Tel: +39 0342 45 11 78
Mob: +39 340 54 02 100

info@rifugiobignami.it
fb: rifugio bignami