Escursionismo

OLYMPUS DIGITAL CAMERACercate un angolo di paradiso dove immergervi in paesaggi senza tempo per staccare dal quotidiano?

La risposta è Rifugio Bignami, l’ultima frontiera del trekking, l’incrocio principale dell’Alta Via della Val Malenco, un intreccio suggestivo di montagne, valli e culture, dove gli stambecchi convivono in armonia con le marmotte e i ghiacciai si muovono sinuosi verso valle offrendo spettacoli irripetibili. Gli escursionisti che visitano il Rifugio Bignami hanno la fortuna di poter vivere tutto questo, nel pieno rispetto di un territorio di enorme importanza naturalistica.

I sentieri che portano al rifugio dal fondo valle sono molto semplici e adatti ai bambini, perfetti per delle gite in giornata con la possibilità di godere di un ottimi piatti tipici una volta raggiunto il rifugio. I sentieri che collegano il rifugio alle valli laterali, la Val Poschiavo, la Valle dello Scerscen e Valle Campagneda attraversano tutti passi, bocchette e forcelle con panorami mozzafiato, un’esperienza pura, riservata però a chi ha più familiarità con la pratica dell’escursionismo.

Vuoi fare un giro dalle nostre parti, ma ti manca un compagno d’esperienza? SCRIVICI e ti consiglieremo la miglior Guida Alpina per i tuoi obbiettivi.

1.Rifugio Bignami & Lago di Gera

Bignami_hut_2Località di partenza: Diga di Gera
Quota massima (m): 2401
Dislivello in salita (m): 400
Difficoltà: E 
Segnaletica: Buona
Periodo consigliato: Da maggio a ottobre 
Punti d’appoggio: Rif. Bignami
Copertura della rete cellulare: Discreta

Descrizione itinerario:
Dal parcheggio di Campo Gera camminare fino in cima alla diga. Da qui si vede l’evidente rifugio dall’altra parte del lago, attraversare la diga e prendere il sentiero che porta al rifugio in circa 1h. Consigliamo un break culinario al Rif. Bignami, punto di riferimento della Valmalenco per la cucina di montagna tipica, poi dal rifugio è possibile completare il giro del Lago di Gera proseguendo verso l’Alpe Gembrè per poi successivamente attraversare la fine della Val Poschiavina fino a tornare alla diga e quindi ridiscendere al parcheggio di Campo Gera.

2.Sentieri Glaciologici

glacier and lake with boysLocalità di partenza: Rifugio Bignami
Quota massima (m): 2601
Dislivello in salita (m): 200
Difficoltà: E 
Segnaletica: Sufficiente
Periodo consigliato: Da giugno a settembre 
Punti d’appoggio: Rif. Bignami
Copertura della rete cellulare: Discreta

Descrizione itinerario:
Dal Rif. Bignami andare in direzione Bocchetta di Caspoggio, una volta attraversato il ponte lasciare il sentiero principale e dirigersi verso N, seguire i bolli blu e la segnaletica “sentiero glaciologico”. Arrivati alla spalla rocciosa, seguire il piccolo sentiero e risalirla, quindi continuando a seguire i bolli blu percorre la morena. (1h dal rifugio)
Attenzione, a metà della morena i bolli blu portano a E verso la seraccata del Ghiacciaio Fellaria Orinetale, qui potete scegliere se continuare dritti e arrivare al suggestivo laghetto glaciologico in circa 10-15 minuti, oppure deviare verso la seraccata, circa 1h.
Entrambi i percorsi sono molto belli e suggestivi, assolutamente facili, intuitivi e alla portata di tutti.

3.Bivacco Anghileri - Rusconi

Bivacco Rusconi AnghileriLocalità di partenza: Rifugio Bignami
Quota massima (m): 3070
Dislivello in salita (m): 850
Difficoltà: E 
Segnaletica: Buona
Periodo consigliato: Da giugno a settembre 
Punti d’appoggio: Rif. Bignami
Copertura della rete cellulare: Discreta

Descrizione itinerario:
Dal Rif. Bignami scendere al lago di Gera in direzione Alpe Gembrè, arrivati all’alpeggio prendere il sentiero che sale al Bivacco Anghileri-Rusconi posto proprio in cima al Passo Confinale 2628m. Da Gembrè circa 1.30h.

4.Cima Fontana

Cima FontanaLocalità di partenza: Rifugio Bignami
Quota massima (m): 3070
Dislivello in salita (m): 850
Difficoltà: E 
Segnaletica: Buona
Periodo consigliato: Da giugno a settembre 
Punti d’appoggio: Rif. Bignami
Copertura della rete cellulare: Discreta

Descrizione itinerario:
Dal Rif. Bignami scendere al lago di Gera in direzione Alpe Gembrè, arrivari all’alpeggio prendere il sentiero che sale al Bivacco Anghileri-Rusconi posto proprio in cima al Passo Confinale 2628m. Dal qui continuare verso N in cresta fino ai laghetti alpini 2845m, poi aggirare Cima Fontana, lasciandosi la montagna sulla sinistra. Arrivati alla Vedretta di Varuna salire per la cresta NO a Cima Fontana.

5.Tour delle Bocchette

OLYMPUS DIGITAL CAMERAQuota di partenza (m): Rifugio Bignami 2401
Quota vetta (m): 2983
Dislivello complessivo (m): 587 
Difficoltà: EE 
Punti d’appoggio: Rif. Bignami e Rif. Carate
Copertura della rete cellulare: Discreta
Contributors: Luca Barletta

Descrizione itinerario:
Attraversare l’Alpe Fellaria in direzione NE verso la Bocchetta di Caspoggio, dopo un lungo pianoro si prende quota rapidamente, poi ancora un altopiano prima del pendio finale che porta in cima alla Bocchetta di Caspoggio, ultima fatica per conquistare la vetta i ripidi venti metri finali dove è possibile aiutarsi con una catena saldamente ancorata alle rocce. Oltrepassare la Bocchetta di Caspoggio in direzione NE, attenzione i primi 100m, sono molto ripidi, proseguire seguendo la valle per poi piegare a sinistra sulla costa (O) puntando alla Bocchetta delle Forbici. Di qui scendere al rifugio Carate, appena superato il rifugio risalire alla Forcella di Fellaria e di qui seguire la valle in discesa che riporta al rifugio Bignami.